Emanuele Taranto Rosso: (1801-1887)

Secondo genito del Barone Giuseppe Taranto e di Gerolama Rosso, anch’ella appartenente ad una nobile famiglia calatina. Dal 1829 fu professore di Fisica Sperimentale nella Reale Accademia degli Studi di Caltagirone. La fama di uomo di scienza e di forbito letterato, che Taranto andava acquistandosi nell’ambito calatino, travalicò i confini della sua terra. Intorno al 1840 fu nominato rettore della Reale Accademia degli Studi di Caltagirone, dove tre anni dopo fondò il Gabinetto di Fisica, Storia Naturale ed Archeologia. Taranto oltre ad essere stato il promotore ed il fondatore del Gabinetto di Storia naturale ed Archeologica, aveva anche acquistato a proprie spese gli strumenti, e le macchine.